L’Anno del Vaffanculo

Non sono tipo da post sdolcinati, infatti questo NON E’ un post sdolcinato.
E’ quasi trascorso un anno dal mio intervento e da tutti i ritardi e disagi che ciò ha comportato, a distanza di tutto questo tempo sono comunque sorpreso dai risultati raggiunti.
Ho recuperato la quasi totalità della mia forma fisica, la fase successiva alla cicatrizzazione inizierà il prossimo mese, pubblicato ‘Non chiederlo alla Luna’ (una fatica immane) e pure il cartaceo di Steamwitch (peggio). A breve uscirà il secondo volume e, se l’illustratore riuscirà a starmi dietro, voglio già uscire col terzo a settembre.

Il punto che mi stava a cuore sottolineare era che, nonostante la sfiga e pure il lavoro, ho portato avanti tutto questo assieme all’associazione sportiva, partendo a gennaio con un corso tutto mio di Tai Chi, concluso venerdì 19 maggio, che spero di continuare sempre a settembre, periodo in cui mi aspetta anche un corso di kung fu per bambini (per fortuna non da solo).
Tante cose che non mi aspettavo certo di fare, eppure le ho fatte. Sono qui, non ancora del tutto intero ma ci sono. Molte cose sono state lasciate indietro, tra le quali purtroppo la famiglia, però ho sentito il bisogno di non fermarmi, dopo quei tre mesi di convalescenza nel vuoto, in solitudine, senza nemmeno poter uscire sotto il Sole cocente.

Troppe volte ho promesso a me stesso che avrei fatto chissà cosa per poi non concludere nulla, poi mi ci sono semplicemente trovato: ho fatto e basta. Quindi vada come vada, un capitolo della mia vita sta per chiudersi e vado avanti a testa bassa, qualunque cosa accada.
Ci tenevo però a ringraziare tutti coloro che mi sono stati vicini, a partire da mia moglie, mia figlia, il mio Maestro, quei pochi colleghi di cui ho stima e affetto, e i miei compagni allievi e istruttori, ai quali aggiungo gli amici autori che non mi hanno in effetti mai lasciato solo, nonostante fossero lontani.
Per strada ho perso anche delle persone, amicizie stanche che erano divenute ormai caricature o sono sempre state solo nominali, e addirittura parenti stretti che hanno confermato tutto il peggio che già pensassi di loro.
Credo che ricorderò il 2017 come l’Anno del Vaffanculo, usato più volte senza remore, quel Vaffanculo terapeutico che ti fa chiudere le porte mentre ne apri altre, che scarica la tensione accumulata e ti fa sentire più in pace con te stesso. Il Vaffanculo che ti rende consapevole della tua sincerità, quando rispetti così tanto anche chi ti sta sul cazzo guardandolo torvo, senza nasconderti dietro l’ipocrisia. Il Vaffanculo sano, schietto e arzillo.

Quindi Vaffanculo a tutti, con affetto e di buon augurio.

P.S.: a qualcuno sono arrivato a dare del ‘coglione’. Volevo solo dirgli che non era un insulto, ma una diagnosi.

vaffanculo

Steamwitch Inc e passaggio a KDP

Nei prossimi giorni il primo volume di Steamwitch Inc verrà rimosso dagli store.
Si tratta di una misura temporanea, in quanto porterò tutto su Kindle Direct Publishing, quindi su Amazon.
Il vantaggio sarà di poterne usufruire anche in Kindle Unlimited, ma non solo. Dopo aver ricevuto una marea di richieste ho deciso di creare anche una versione cartacea.
Il progetto prevedeva comunque una raccolta su carta alla fine della stagione, ma alla fine ho ceduto. Il cartaceo si aggirerà sulle cento pagine e avrà un costo di 5 euro (ai minimi termini, insomma).

Questo passaggio mi permetterà di creare una vera e propria collana, quando Lenny avrà terminato i disegni per il secondo volume le daremo il via ufficialmente. Inoltre avrò la possibilità di inserirlo come co-autore in qualità di illustratore.

Piccola nota su Kindle Matchbook. Kindle Matchbook è un servizio interessante, permette di avere la copia digitale acquistando la versione cartacea. Purtroppo non è disponibile in Italia, ma ho comunque deciso di aderirvi nella speranza che venga attivato.

Seguiranno altre comunicazioni in merito al rientro nello store.

P.S.: le recensioni, purtroppo, non verranno trasferite. Farò degli screenshot e li caricherò su blog e pagina Facebook, che vi ricordo sta qui:

https://www.facebook.com/steamwitchinc/

“Non chiederlo alla Luna” altamente disponibile

E’ con gioia che segnalo l’avvenuta pubblicazione del mio nuovo romanzo: “Non chiederlo alla Luna”

Cover_Blog_non_chiederlo_alla_luna

Blythe è giovane, vive a Londra, ha un lavoro precario, una macchina per il caffè ribelle e un’ex fidanzata che sta per sposarsi. Con un altro. La sua vita procede tra noia, videogiochi e una gran voglia di fuggire; almeno finché il destino non bussa alla sua porta, intenzionato ad accontentarlo.
Trasportato in una cavità abitabile della Luna, qui incontra Runa, aliena bellissima e fredda che lo coinvolge nella ricerca di antichi e misteriosi manufatti. Ma perché proprio lui? Cosa c’entrano le dieci sterline che tiene in tasca? E soprattutto, si può trovare il vero amore a 384.400 chilometri da casa?

Non chiederlo alla Luna è stato concepito nel dicembre 2013 e iniziato seriamente all’inizio del 2014. Era un brutto periodo, problemi a casa, problemi al lavoro, problemi ovunque. Dopo un inizio recalcitrante sono partito così spedito da completarlo in quattro mesi. Poi il vuoto.
Con la scusa di lasciarlo sedimentare e tornarci poi per sistemarlo è stazionato nell’hard disk per un anno, prima che tornassi a metterci sopra le mani. Nel frattempo era nato Steamwitch Inc, poi m’hanno operato e così via.
Ma non ho dimenticato Blythe e Runa, così mi sono rivolto allo staff di E’ Scrivere per una valutazione. Qualche mese di editing e sacramenti in lunatico antico e alla fine eccolo qua.
Poteva venire meglio? No. Non è perfetto, ma meglio di così, davvero, non riuscirei a fare: i lettori daranno la loro sentenza.

Ora qualche nota per l’utilizzatore finale.

Non chiederlo alla Luna è stato pubblicato in esclusiva Amazon, ciò vuol dire che la versione ebook è disponibile anche per Kindle Unlimited (urrà!).
Vi piace il cartaceo? C’è pure quello, sereni.
Potete acquistarlo al seguente indirizzo:

Ebook
https://www.amazon.it/dp/B06Y18GGTV/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1491307415&sr=8-1

Cartaceo
https://www.amazon.it/chiederlo-alla-Luna-Fabrizio-Colonna/dp/1520994818/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1491368174&sr=8-2
Titolo: Non chiederlo alla Luna
Autore: Fabrizio Colonna
Anno di pubblicazione: 2017
ISBN: 9781520994819

Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/Fabrizio.Colonna.NonchiederloallaLuna

Non chiederlo alla Luna

Facciamola breve: sto per uscire con un nuovo romanzo.
Edito da?…. nessuno

Per chi ha seguito il blog nei tempi d’oro (credici), ovvero quando scrivevo spesso, forse ricorderà che spesso paragonavo l’autopubblicazione all’onanismo. In realtà le cose da allora sono cambiate, perché se al momento la situazione era terribile oggi qualcosa s’è mosso in meglio.

In pratica sono sorti servizi editoriali e grafici alla portata di tutti che permettono a un autore di affidarsi a un aiuto professionale senza svenarsi.
Perché, allora, non rivolgersi a un editore?
Molte cose sono cambiate da quando vedevo l’Editore come una sorta di Araldo del Bene Assoluto, a partire dalla pessima gestione che ho avuto con Il Cavalier Buffone, per non dire l’assenza della stessa.
Editing zero, impaginazione zero, pubblicità zero, aggiungiamo la copertina che non mi è mai piaciuta e arriviamo al punto: se alla fine tocca fare tutto a me, per quale motivo devo dare soldi a te?

A questo punto il passo è breve: autoproduzione. Che non vuol dire buttare fuori il manoscritto così com’è ma darlo in mano a professionisti, cercare un grafico e farsi fare la copertina che vogliamo. Il risultato è più professionale, a fronte di una spesa che non ha superato i 100€. Non sto scherzando.
Il risultato è un prodotto almeno professionale, poi che funzioni o meno sarà il mercato (e i lettori) a dirlo, ma non devo dividere i centesimi con chi, di fatto, non ha mosso un dito e per di più col rischio di non vederli nemmeno, quei quattro spicci.

E ora, bando alle polemiche, vi lascio con la cover realizzata da Luna (E’ Scrivere), la quarta di copertina, link alla pagina Facebook, birra, sidro e dita incrociate.

Cover_Blog_non_chiederlo_alla_luna

“Blythe è giovane, vive a Londra, ha un lavoro precario, una macchina per il caffè ribelle e un’ex fidanzata che sta per sposarsi. Con un altro. La sua vita procede tra noia, videogiochi e una gran voglia di fuggire; almeno finché il destino non bussa alla sua porta, intenzionato ad accontentarlo.
Trasportato in una cavità abitabile della Luna, qui incontra Runa, aliena bellissima e fredda che lo coinvolge nella ricerca di antichi e misteriosi manufatti. Ma perché proprio lui? Cosa c’entrano le dieci sterline che tiene in tasca? E soprattutto, si può trovare il vero amore a 384.400 chilometri da casa? “

Prossima pubblicazione in esclusiva Amazon, ebook e cartaceo.

PRESTO DISPONIBILE, ANNUNCIAZIONE SU QUESTE PAGINE

PAGINA “NON CHIEDERLO ALLA LUNA” (blog)

PAGINA FACEBOOK

Garben Fantasy 2017

Si ripete quest’anno la fiera dedicata al medioevo e al cazzeggio. Dimostrazioni sportive, spettacoli, panini e birra (soprattutto).

Non avrete sicuramente meglio da fare, quindi passate a trovarci. A me toccherà stare al gazebo per l’associazione e per quest’anno non presento libri (mi sono attardato con l’editing, news a breve).

Garben Fantasy 2017

 

Video

Sulla passione e l’ambizione (considerazioni personali)

Nell’ultimo anno sono parecchio preso dalla mia attività marziale, vuoi anche per aver contribuito a creare una piccola realtà nella mia città, Garbagnate Milanese, che ha davvero bisogno di rialzarsi.
Spesso ci sentiamo deridere che siamo pochi tra tanti, che esistono realtà più considerevoli che hanno già raggiunto dei traguardi.
E’ vero, ma pensiamo a due cose.

La prima è che sono partiti dal basso, come noi.
La seconda è il contesto.

La mia città ha vissuto un periodo assai negativo, da quando una maggioranza silenziosa (ovvero che non ha mai ammesso il fatto) ha deciso di eleggere sindaco Piermauro Pioli, un uomo di cui non solo non ho mai avuto alcuna stima, ma che è salito dichiarando che ‘fare è fatica’, ovvero che non avrebbe fatto un cazzo.
Le premesse c’erano, ma si è preferito il vecchio al nuovo, dove per vecchio non s’intende solo l’età anagrafica del soggetto quanto l’idea di politica che si porta appresso. Quattro anni a non fare un cazzo, appunto, tarpando le ali a qualsiasi iniziativa, lasciando la città nel degrado e senza budget per la sicurezza.
Poi si avvicina il periodo elettorale ed ecco che muove le manine. Il vecchio stile, appunto.

Ma non è la politica il problema, bensì proprio la mentalità da svecchiare in una città che sembra non volere avere spazio per i giovani.
Lo so, qui di solito si parla di libri e cazzate, ma è anche il mio spazio personale e ci tenevo a dirvi che se passate per Garbagnate Milanese e vi fa schifo, non è tutta colpa dei cittadini. Sì, in parte lo è, di quelli che non hanno avuto il coraggio di cambiare.

La democrazia, mi dicono, è la dittatura della maggioranza, ma qui hanno pagato tutti per una scelta sbagliata. Risolleviamoci, anche con poco.

Võ Đường Thiên Mụ-Associazione Sportiva Dilettantistica, Arti Marziali, Kung Fu Vietnamita

Senza nulla a pretendere, Võ Đường Thiên Mụ e OneTV sono solo due piccole realtà locali, ma non per questo da ignorare.
Un’associazione sportiva che non ha nemmeno un anno di vita e conta già un discreto numero di allievi, ben 4 corsi differenti (e forse un quinto a settembre), allievi e istruttori motivati e grandi progetti.
Una TV locale nata dalla passione e dall’ambizione di pochi cittadini, che investe e si impegna da tempo per ridare lustro a una città che, dopo anni di malagestione, ha il grande desiderio di tornare in campo.

Cittadini, garbagnatesi, poche persone che amano la propria città e lavorano per realizzare i sogni: è una parabola di pochi per molti, lo specchio di una realtà che si replica in molti luoghi dove la vita è difficile e le opportunità ridotte all’osso.
Non dite che non ha valore. Võ Đường Thiên Mụ non è la…

View original post 86 altre parole

Corso Tai Chi (Garbagnate Milanese)

Comunicazione off-topic.

Oltre a tentare di scrivere romanzi e riempire inutilmente pagine di blog, segnalo di essere anche un istruttore di arti marziali.
A gennaio è partito un corso di Tai Chi stile Yang a Garbagnate Milanese (MI) che mi vede proprio in qualità di istruttore.
Il corso si concentra sull’aspetto ginnico e salutare, escludendo quindi la pratica marziale, insegnando la forma lunga di Tai Chi. E’ aperto a tutte le età, in quanto la pratica di questo stile aiuta soprattutto chi ha bisogno di rimettersi in forma con movimenti dolci.
In caso foste interessati i numeri da contattare e il nostro indirizzo sono sul volantino a seguire. Sentitevi inoltre liberi di inoltrare a chiunque pensate possa esserne interessato.

Saluti

volantino-tai

Segnalazioni Autori Emergenti

Mi sono proposto per segnalare libri di autori emergenti, allo scopo ho creato una categoria apposita. I testi verranno proposti dallo staff di “E’ Scrivere” quindi non saranno scelti da me (tradotto: non venite qui a chiedere come se non ci fosse un domani, loro fanno filtro).

Cosa non vedrete di sicuro (perché m’hanno rotto):

-Omofobi
-Xenofobi
-Stronzi (macrocategoria in cui infilo anche permalosi e rompipalle)

Conscio che lo staff sa il fatto suo, sarò felice di fare queste segnalazioni.

Aloha