Voglio chiedere l’amicizia a Privacy

Facebook. Ah, accidenti, sempre lui. Apri il Corriere: Facebook. Apri Repubblica: Facebook. Apri Wormhole Diaries: Facebook. Apri Facebook: Facebook.
Ci sono tante cose di Facebook che mi fanno saltare le coronarie, potrei stilare una classifica:

1) Foto di gatti/cani
2) Cani/gatti maltrattati e in cerca di affetto
3) Immagini con solo testo aventi velleità di illuminazione tantrica (es. Godetevi la vita oggi che domani morirete)
4) Vignette divertenti che, condivise da 3000 contatti, fanno passare la voglia di ridere
5) Post sulla privacy

Ecco, periodicamente, con una puntualità che manco la Morte che va al cesso la mattina, talvolta mi spuntano post come questo:

“Importante per i miei contatti.Chiedo un favore a coloro che stanno nella lista dei miei contatti di facebook. FB ha cambiato ancora una volta la sua configurazione della privacy! A causa della nuova “graphic app” qualunque persona in FB può vedere le tue foto, i tuoi “mi piace”, i tuoi commenti. Terrò questo messaggio sulla mia bacheca per due settimane e, per favore, una volta fatto ciò che ti chiedo qui di seguito, commenta “FATTO”. Quelli di voi che non facciano diventare privata la mia informazione nei confronti degli altri saranno cancellati dalla lista dei miei amici. Voglio tenere privati i miei rapporti con te. Voglio pubblicare foto di familiari e amici senza che gli estranei vi abbiano accesso; questo succede quando i miei amici cliccano “mi piace” o aggiungono commenti: automaticamente i loro amici possono vedere anche i nostri messaggi. Purtroppo non possiamo cambiare noi stessi questa configurazione perché FB l’ha configurata così. Ma tu lo puoi fare! Dunque: colloca il puntatore del mouse sul mio nome, senza cliccare; apparirà una finestra. Ora muovi il mouse su “Amici”, sempre senza cliccare, poi clicca su “impostazioni” e apparirà una lista. Togli la spunta a “avvenimenti importanti” e “commenti a mi piace”. In questo modo, la mia attività tra me e i miei amici e familiari non diventerà pubblica. Infine copia e incolla questa nota sulla tua bacheca (copia-incolla, non condividere). Quando lo vedrò pubblicato sulla tua bacheca, farò la stessa operazione nei confronti del tuo profilo. Grazie”

Solitamente a questa roba seguono commenti che spiegano, talvolta civilmente e altre meno, che se entri in Facebook puoi dire addio alla privacy, tecnicamente parlando. Certo, potrei approfondire sulla bufalata tematica, ovvero che si tratta di una traduzione errata di un testo inglese, come spiegato da Altroconsumo, ma non è questo il punto. No.

Il punto è: ce la fate?

Due secondi dopo che l’allarmato utente posta ‘sta roba seguono differenti reazioni:

1) Viene condiviso dal 49% dei contatti
2) Viene copiato dal 50% dei contatti
3) L’1% rimanente gli fa notare che ha scritto una stronzata, ma verrà ignorato

Passano i giorni, tendenzialmente 2-3, poi finalmente qualcuno di ‘importante’ fa notare la bufala e solo allora l’utente si pente. Della serie ho tanti amici, ma col cazzo che li ascolto.

E allora io dico la mia banalità: Privacy su Facebook? Non esiste, ma puoi provare a chiederle l’amicizia. Se entrate là dentro sottoscrivete che volete mettervi in mostra, spiattellando al mondo le vostre foto, abitudini alimentari, sessuali, di pulizia delle narici; ci mettete pure il vostro nome e cognome, cazzarola, quindi che privacy vi aspettate?
Accedere a quello strumento è un po’ come farsi la prova dell’ego, si può stare dimessi e scrivere poco e niente, oppure si può spammare tutta la bacheca con i cazzi propri. Insomma, vi devo pure spiegare come funziona?
E ora veniamo al dunque dell’articolo, che non racconta né svela nulla: postatemi ancora un allarmismo sulla privacy e ve lo incollo come risposta, facendovi credere che ci sia una spiegazione mentre invece, una volta che lo avrete letto e sarete giunti a questo punto, troverete questo…

pernacchia

E buona privacy a tutti.

Annunci

4 commenti su “Voglio chiedere l’amicizia a Privacy

  1. L’ha ribloggato su paroleindacoe ha commentato:
    Uno su mille ce la fa. Divertente e tagliente articolo di Wormehole Diaries i cui contenuti condivido in pieno, e al quale mi riallaccio per dire che da quando ho ridimensionato la mia presenza su facebook, sto nettamente meglio. Questa fucina virtuale di ego ipertrofici e insicuri, per dirla alla gnostica, è proprio solo questo: un gazzabuglio di niente e di realtà e personalità dopate. Meccanismo contorto e fascinatore. E, passatemi il francesismo, niente di più inadatto alla tutela dei cacchi propri. Certo è utile, per chi ha un’attività da promuovere e contatti da mantenere e blablabla. Ma niente di più, davvero niente. Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...