Il Disagio

Il Disagio La terapia del Vaffanculo

disagio

Avrei potuto intitolare questo breve articolo “Il disagio di esistere”, ma temo avrebbe suonato troppo deprimente. Ho scelto “Il Disagio” (con la ‘D’ maiuscola) perché a conti fatti è proprio ciò che provo da sempre. Sempre.
Il Disagio è con me quando mi sveglio la mattina per andare a lavorare, la vita dell’impiegato medio che lavora per arricchire gli altri, andando poi a mendicare qualche briciola in più sperando che sia nata la meritocrazia.
Il Disagio di trovarsi in mezzo a persone che dialogano di luoghi comuni, denaro, calcio e figa, come se non esistesse altro, chiedendomi se davvero il loro mondo termini in quei confini o semplicemente si siano adattati per comodità o rassegnazione.
Il Disagio di una vita famigliare fatta di azioni ripetute, di cortesie dovute, di orari e consuetudini.
Il Disagio di una vita sociale basata sull’apparenza, sul gesto cortese che va fatto in determinate circostanze, sulla sopportazione di amicizie ipocrite che sembrano necessarie per non pensare di essere soli.

Il Disagio di non poter mandare a fare in culo tutti quanti. Ecco.

Ti operano di tumore e né alcuni parenti né tantomeno il tuo migliore amico pensano sia il caso di venire a vedere come stai? Beh, fa brutto mandarli a fare in culo, no? Non si fa. E invece l’ho fatto. Ma come, non è la tua famiglia, non è un’amicizia di lunga data che è un peccato dopo tanti anni bla bla bla… no, fanculo. Che poi quando hanno bisogno vanno aiutati, per forza, che questa carità cristiana sembra non tener conto degli infami. Porgi l’altra guancia, va bene, ma pure Gesù ha mandato a fare in culo un po’ di gente e nessuno se lo ricorda.
Perché il Disagio è anche questo: doversi imprigionare nel non dire a qualcuno che ti ha rotto le palle, perché non si fa, perché non è bello, perché è famiglia, amicizia. E si tollera l’ipocrisia, si sta zitti quando si subiscono ingiustizie se non addirittura furti, perché è famiglia e amicizia.
Ma può un famigliare e un amico farci dei torti rimanendo impunito?
Il Disagio passa anche da qui, ecco perché mando a fare in culo la gente.

Lo faccio perché detesto le ingiustizie, perché chiudermi nel silenzio quando vorrei urlare mi fa soffrire, perché non tollero che qualcuno si approfitti della mia bontà. Allora lo mando a fare in culo. Gli do’ una serie di possibilità e poi lo mando a fare in culo.
Perché posso fare a meno di un famigliare o un amico che si ricorda di me solo quando ha delle necessità materiali (manco umane, per quelle tollererei tutto), e poi al suo momento sparisce. O passa sotto casa tua ma non te lo dice. O mente sapendo di mentire, nella speranza che tu sia un coglione o che chiuda (ancora) un occhio.

Quando mandi a fare in culo qualcuno ottieni spesso una reazione che ha dell’incredibile: si offende. Cioè, mi fai incazzare, ti ci mando e ti offendi. Offendersi è quel bieco strumento di autodifesa che anche quando stai in torto marcio pensi ti faccia passare dalla parte della ragione. Il brutto è che gli altri ci cascano, ti circondano “Ma perché? Si è offeso, chiedigli scusa”.
Offendetevi. Offendetevi tutti. A me non interessa avere una vita sociale d’ordinanza, preferisco tenermi due amici buoni che mantenerne venti ipocriti, e lo stesso discorso vale per la famiglia. La famiglia non ti lascia mai solo, dicono. Come no.
Quindi offendetevi, vi prego, così che possa individuarvi e mandarvi a fare in culo con più precisione.

Il Disagio. Il Disagio è quando non puoi usare il potere terapeutico del Vaffanculo verso chi se lo merita. Posso dire di averlo superato, quindi…

le-vie-del-signore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...